Close
logo-unesco
stemma-vescovo-castellucci
stemma-papa-francesco
Nicolò dell'Abate, San Geminiano

San Geminiano 2018

A causa dei lavori di restauro in corso in Duomo, quest’anno le celebrazioni liturgiche dedicate al Santo Patrono Geminiano subiranno alcune modifiche.

La veglia di martedì 30 gennaio si terrà in San Francesco alle ore 21.

La Messa Pontificale delle ore 11 di mercoledì 31 gennaio, giorno della Solennità, verrà celebrato anch’esso presso la chiesa di San Francesco. La S. Messa sarà presieduta da S.E. Mons. Erio Castellucci, Arcivescovo di Modena-Nonantola.

La Cattedrale resterà aperta con orario continuato per consentire il pellegrinaggio presso la tomba del Santo.

 

Di seguito il programma completo:

Martedì 30 gennaio
Ore 17.15, nella Cripta della Cattedrale: celebrazione dei Primi Vespri Pontificali
Ore 18.00, nella Cripta della Cattedrale: Messa Vespertina della Vigilia. Presiederà la celebrazione monsignor Giuliano Gazzetti, vicario generale
Ore 21.00, chiesa di San Francesco: veglia di preghiera con l’Ufficio delle Letture

Mercoledì 31 gennaio

Ore 7.00, nella Cripta della Cattedrale: celebrazione eucaristica, presieduta da don Paolo Notari
Ore 8.00, chiesa di San Francesco: celebrazione eucaristica, presieduta da monsignor Enrico Solmi, vescovo di Parma
Ore 9.00, chiesa di San Francesco: celebrazione eucaristica, presieduta da mons. Lino Pizzi,  vescovo di Forlì-Bertinoro

Solenne Concelebrazione Pontificale  delle ore 11, chiesa di San Francesco. La liturgia sarà presieduta dal vescovo mons. Erio Castellucci, con la partecipazione di altri Vescovi  e di alcuni sacerdoti in rappresentanza del presbiterio diocesano.

Ore 17.15, chiesa di San Francesco: il  vescovo Erio Castellucci presiede il canto dei Secondi Vespri Pontificali
Ore 18.00, chiesa di San Francesco: Messa Vespertina. S. E. mons. Giuseppe Verucchi, arcivescovo emerito di Ravenna-Cervia, con assistenza di mons. Arcivescovo-Abate, presiede l’ultima celebrazione eucaristica nella giornata dedicata al santo dei modenesi.

 

In Cattedrale, seguendo un percorso  ben definito, sarà sempre  possibile venerare la tomba di San geminiano, aperta dal 20 gennaio al 3 febbraio.

 

Dono dell’indulgenza plenaria

Si ricorda che visitando la Cattedrale in devoto pellegrinaggio, come durante l’Anno Santo, dal pomeriggio del 30 a tutto il 31 gennaio, e compiendo le opere prescritte (Confessione e Comunione – anche in altro giorno vicino – professione di fede, Padre Nostro, preghiera mariana e preghiera per il Santo Padre), si può ottenere l’indulgenza plenaria.

 

Anche quest’anno  la comunità Ortodossa pregherà in Cripta, raccolta intorno alle spoglie del patrono, alle 14.30, con l’atto di ringraziamento Akatistòs